Crea sito

Ramayana

L’antico poema epico indiano Ramayana è uno dei più importanti nella letteratura indù. Segue le avventure del principe Rama mentre salva sua moglie Sita dal re demone Ravana e sposa le lezioni di moralità e fede per gli indù di tutto il mondo. Contesto e storia – Il Ramayana è uno dei poemi epici più lunghi dell’induismo, con oltre 24.000 versi. Sebbene le sue origini precise non siano chiare, al poeta Valmiki viene generalmente attribuita la scrittura del Ramayana nel V secolo a.C. Il testo è considerato una delle due maggiori epopee antiche dell’India, l’altra è il Mahabharata . Sinossi della storia di Ramayana – Rama, il principe di Ayodhya, è il figlio maggiore del re Dasharatha e di sua moglie Kaushalya. Sebbene Rama sia la scelta di suo padre di succedergli, la seconda moglie del re, Kaikei, vuole che suo figlio sul trono. Progetta di mandare in esilio Rama e sua moglie Sita, dove rimangono per 14 anni. Mentre vive nella foresta, Sita viene rapita dal re demone Ravana, il sovrano a 10 teste dello Lanka. Rama la insegue, aiutato da suo fratello Lakshmana e dal possente generale delle scimmie Hanuman attaccano l’esercito di Ravana e riescono a uccidere il re demone, liberando Sita dopo una feroce battaglia e riunendola con Rama. Rama e Sita tornano ad Ayodhya e vengono calorosamente accolti dai cittadini del regno, dove governano per molti anni e hanno due figli. Alla fine, Sita è accusata di essere infedele e deve sottoporsi a una prova con il fuoco per dimostrare la sua castità. Fa appello alla Madre Terra e viene salvata, ma svanisce nell’immortalità. Temi principali – Sebbene le loro azioni nel testo, Rama e Sita arrivino a incarnare gli ideali del matrimonio attraverso la loro devozione e amore reciproco. Rama ispira lealtà tra il suo popolo per la sua nobiltà, mentre il sacrificio di Sita è visto come la massima dimostrazione di castità. Il fratello di Rama Lakshmana, che ha scelto di essere esiliato con suo fratello, incarna la lealtà familiare, mentre la prestazione di Hanuman sul campo di battaglia esemplifica il coraggio e la nobiltà. Influenza sulla cultura popolare – Come nel Mahabharata, l’influenza del Ramayana si diffuse mentre l’induismo si espandeva in tutto il subcontinente indiano nei secoli successivi alla sua stesura. La vittoria di Rama sul male viene celebrata durante le vacanze di Vijayadashami o Dussehra, che si svolgono a settembre o ottobre, a seconda di quando cade durante il mese lunare di Hindu di Ashvin. Il dramma popolare Ramlila, che racconta la storia di Rama e Sita, viene spesso eseguito durante il festival e le effigi di Ravana vengono bruciate per simboleggiare la distruzione del male. Il Ramayana è stato anche un argomento frequente di film e miniserie televisive in India , nonché fonte d’ispirazione per artisti dai tempi antichi a quelli contemporanei. Con oltre 24.000 versi e 50 capitoli, leggere il Ramayana non è un compito semplice. Ma sia per la fede indù che per i non indù, il poema epico è un classico che vale la pena leggere . Il Ramayana è l’epico racconto di Shri Rama, che insegna ideologia, devozione, dovere, dharma e karma. La parola “Ramayana” significa letteralmente “la marcia (ayana) di Rama” alla ricerca di valori umani. Scritto dal grande saggio Valmiki, il Ramayana viene definito Adi Kavya o epopea originale. Il poema epico è composto da distici in rima chiamati sloka in alto sanscrito, in un complesso metro linguistico chiamato “anustup”. I versetti sono raggruppati in singoli capitoli chiamati sargas, ognuno contenente un evento o un intento specifici. I sarga sono raggruppati in libri chiamati kanda. Il Ramayana ha 50 personaggi e 13 posizioni in tutto. Early Life of Rama – Dasharatha era il re di Kosala, un antico regno che si trovava nell’attuale Uttar Pradesh. Ayodhya era la sua capitale. Dasharatha era amato da tutti. I suoi sudditi erano felici e il suo regno era prospero. Anche se Dasharatha aveva tutto ciò che desiderava, era molto triste nel cuore; non aveva figli. Allo stesso tempo, viveva un potente re Rakshasa nell’isola di Ceylon, situata a sud dell’India. Si chiamava Ravana. La sua tirannia non conosceva limiti, i suoi sudditi disturbavano le preghiere degli uomini santi. Il senza figli Dasharatha fu consigliato dal sacerdote di famiglia Vashishtha di eseguire una cerimonia di sacrificio del fuoco per cercare le benedizioni di Dio per i bambini. Vishnu, il conservatore dell’universo, decise di manifestarsi come il figlio maggiore di Dasharatha per uccidere Ravana. Durante la cerimonia del culto del fuoco, una figura maestosa si è alzata dal fuoco sacrificale e ha consegnato a Dasharatha una ciotola di budino di riso, dicendo: “Dio è contento di te e ti ha chiesto di distribuire questo budino di riso (payasa) alle tue mogli – loro presto porterà i tuoi figli “. Il re ricevette il dono con gioia e distribuì la payasa alle sue tre regine, Kausalya, Kaikeyi e Sumitra. Kausalya, la regina maggiore, diede alla luce il figlio maggiore Rama. Bharata, il secondo figlio, nacque a Kaikeyi e Sumitra diede alla luce i gemelli Lakshmana e Shatrughna. Il compleanno di Rama è ora celebrato come Ramanavami. I quattro principi sono cresciuti per essere alti, forti, belli e coraggiosi. Dei quattro fratelli, Rama era il più vicino a Lakshmana e Bharata a Shatrughna. Un giorno, il riverito saggio Viswamitra venne ad Ayodhya. Dasharatha fu felicissimo e scese immediatamente dal suo trono e lo accolse con grande onore. Viswamitra benedisse Dasharatha e gli chiese di mandare Rama a uccidere i Rakhasha che stavano disturbando il suo sacrificio di fuoco. Rama aveva allora solo quindici anni. Dasharatha fu colto di sorpresa. Rama era troppo giovane per il lavoro. Si offrì, ma il saggio Viswamitra lo sapeva meglio. Il saggio insistette sulla sua richiesta e assicurò al re che Rama sarebbe stato al sicuro nelle sue mani. Alla fine, Dasharatha accettò di mandare Rama, insieme a Lakshmana, per andare con Viswamitra. Dasharatha ordinò rigorosamente ai suoi figli di obbedire a Rishi Viswamitra e di esaudire tutti i suoi desideri. I genitori hanno benedetto i due giovani principi. Partirono quindi con il saggio (Rishi). La festa di Viswamitra, Rama e Lakshmana raggiunse presto la foresta di Dandaka dove la Rakshasi Tadaka viveva con suo figlio Maricha. Viswamitra chiese a Rama di sfidarla. Rama allungò l’arco e aggiustò la corda. Gli animali selvatici correvano timonieri nella paura. Tadaka sentì il suono e si arrabbiò. Pazza di rabbia, ruggendo fragorosamente, si precipitò su Rama. Ne seguì una feroce battaglia tra l’enorme Rakshasi e Rama. Alla fine, Rama trafisse il cuore con una freccia mortale e Tadaka si schiantò sulla terra. Viswamitra era contento. Insegnò a Rama diversi mantra (canti divini), con i quali Rama poteva evocare molte armi divine (meditando) per combattere il male. Viswamitra quindi procedette, con Rama e Lakshmana, verso il suo ashram. Quando hanno iniziato il sacrificio del fuoco, Rama e Lakshmana stavano proteggendo il posto. All’improvviso Maricha, il feroce figlio di Tadaka, arrivò con i suoi seguaci. Rama pregò silenziosamente e scaricò le armi divine appena acquisite a Maricha. Maricha fu gettata a molte, molte miglia di distanza nel mare. Tutti gli altri demoni furono uccisi da Rama e Lakshmana. Viswamitra completò il sacrificio e i saggi si rallegrarono e benedissero i principi. Il mattino seguente, Viswamitra, Rama e Lakshmana si diressero verso la città di Mithila, la capitale del regno di Janaka. Il re Janaka invitò Viswamitra a partecipare alla grande cerimonia del sacrificio del fuoco che aveva organizzato. Viswamitra aveva in mente qualcosa: far sposare Rama all’adorabile figlia di Janaka. Janaka era un santo re. Ha ricevuto un inchino da Lord Siva. Era forte e pesante. Voleva che la sua bellissima figlia Sita sposasse il principe più coraggioso e più forte del paese. Così aveva giurato che avrebbe dato Sita in matrimonio solo a quello che poteva infilare quel grande arco di Siva. Molti avevano provato prima. Nessuno poteva nemmeno muovere l’arco, figuriamoci se lo infilava. Quando Viswamitra arrivò con Rama e Lakshmana alla corte, il re Janaka li ricevette con grande rispetto. Viswamitra presentò Rama e Lakshmana a Janaka e gli chiese di mostrare l’arco di Siva a Rama in modo che potesse provare a infilarlo. Janaka guardò il giovane principe e assentì dubbioso. L’arco era riposto in una scatola di ferro montata su un carro a otto ruote. Janaka ordinò ai suoi uomini di portare l’arco e metterlo nel mezzo di una grande sala piena di molti dignitari. Rama si alzò quindi in tutta umiltà, sollevò facilmente l’arco e si preparò per la corda. Appoggiò un’estremità dell’arco contro la punta del piede, mise la sua forza e piegò l’arco per metterlo in corda, quando con sorpresa di tutti l’arco si spezzò in due! Sita fu sollevata. Rama le era piaciuta a prima vista. Dasharatha fu immediatamente informato. Ha dato volentieri il suo consenso al matrimonio e è venuto a Mithila con il suo seguito. Janaka ha organizzato un grande matrimonio. Rama e Sita erano sposati. Allo stesso tempo, anche agli altri tre fratelli furono fornite spose. Lakshmana ha sposato la sorella di Sita, Urmila. Bharata e Shatrughna sposarono i cugini di Sita Mandavi e Shrutakirti. Dopo il matrimonio, Viswamitra li benedisse tutti e partì per la meditazione dell’Himalaya. Dasharatha tornò ad Ayodhya con i suoi figli e le loro nuove spose. La gente ha celebrato il matrimonio con grande sfarzo e spettacolo. Per i successivi dodici anni Rama e Sita vissero felici ad Ayodhya. Rama era amato da tutti. Fu una gioia per suo padre, Dasharatha, il cui cuore quasi scoppiò in orgoglio quando vide suo figlio. Mentre Dasharatha cresceva, convocò i suoi ministri in cerca della loro opinione sull’incoronazione di Rama come principe di Ayodhya. Hanno accolto all’unanimità il suggerimento. Quindi Dasharatha annunciò la decisione e impartì ordini per l’incoronazione di Rama. Durante questo periodo, Bharata e il suo fratello preferito, Shatrughna, erano andati a trovare il nonno materno ed erano assenti da Ayodhya. Kaikeyi, la madre di Bharata, era nel palazzo gioendo con le altre regine, condividendo la felice notizia dell’incoronazione di Rama. Amava Rama come suo figlio; ma la sua cattiva domestica, Manthara, era infelice. Manthara voleva che Bharata fosse il re, quindi elaborò un piano atroce per contrastare l’incoronazione di Ramas. Non appena il piano fu fissato nella sua mente, si precipitò da Kaikeyi per dirglielo. “Che sciocco sei!” Manthara disse a Kaikeyi: “Il re ti ha sempre amato più delle altre regine. Ma nel momento in cui Rama viene incoronato, Kausalya diventerà onnipotente e ti renderà la sua schiava.” Manthara ha ripetutamente dato i suoi suggerimenti avvelenati, annebbiando la mente e il cuore di Kaikeyis con sospetto e dubbio. Kaikeyi, confuso e sconvolto, alla fine accettò il piano di Manthara. “Ma cosa posso fare per cambiarlo?” chiese Kaikeyi con una mente perplessa. Manthara era abbastanza intelligente da tracciare fino in fondo il suo piano. Stava aspettando che Kaikeyi chiedesse il suo consiglio. “Puoi ricordare che molto tempo fa, quando Dasharatha fu gravemente ferito sul campo di battaglia, mentre combattevi con gli Asura, salvasti la vita di Dasraratha guidando rapidamente il suo carro in salvo? A quel tempo Dasharatha ti offrì due vantaggi. Hai detto che avresti chiesto i doni un’altra volta. ” Kaikeyi si ricordò prontamente. Manthara continuò, “Ora è giunto il momento di chiedere quei doni. Chiedi a Dasharatha il tuo primo vantaggio per rendere Bharat il re del Kosal e il secondo vantaggio per bandire Rama nella foresta per quattordici anni.” Kakeyi era una regina dal cuore nobile, ora intrappolata da Manthara. Ha accettato di fare quello che ha detto Manthara. Entrambi sapevano che Dasharatha non avrebbe mai ricaduto sulle sue parole. Esilio di Rama – La notte prima dell’incoronazione, Dasharatha venne a Kakeyi per condividere la sua felicità nel vedere Rama il principe ereditario di Kosala. Ma Kakeyi mancava dal suo appartamento. Era nella sua “stanza della rabbia”. Quando Dasharatha venne nella sua stanza della rabbia per indagare, trovò la sua amata regina distesa sul pavimento con i capelli sciolti e gli ornamenti gettati via. Dasharatha prese delicatamente la testa di Kakeyi in grembo e chiese con voce carezzevole: “Cosa c’è che non va?” Ma Kakeyi si liberò rabbiosamente e disse con fermezza; “Mi hai promesso due vantaggi. Ora, per favore, concedimi questi due vantaggi. Lascia che Bharata sia incoronato re e non Rama. Rama dovrebbe essere bandito dal regno per quattordici anni.” Dasharatha riusciva a malapena a credere alle sue orecchie. Incapace di sopportare ciò che aveva sentito, cadde privo di sensi. Quando tornò in sé, gridò in preda alla rabbia impotente, “Che cosa ti ha investito? Che male ti ha fatto Rama? Per favore, chiedi altro che questi.” Kakeyi rimase fermo e si rifiutò di cedere. Dasharatha svenne e rimase sdraiato sul pavimento per il resto della notte. Il mattino seguente, Sumantra, il ministro, venne a informare Dasharatha che tutti i preparativi per l’incoronazione erano pronti. Ma Dasharatha non era in grado di parlare con nessuno. Kakeyi chiese a Sumantra di chiamare immediatamente Rama. Quando arrivò Rama, Dasharatha singhiozzò in modo incontrollabile e poté solo pronunciare “Rama! Rama!” Rama era allarmato e guardò Kakeyi con sorpresa, “Ho fatto qualcosa di sbagliato, mamma? Non avevo mai visto mio padre così prima d’ora.” “Ha qualcosa di spiacevole da dirti, Rama”, rispose Kakeyi. “Tanto tempo fa tuo padre mi aveva offerto due doni. Ora lo chiedo.” Quindi Kakeyi parlò a Rama dei vantaggi. “È tutta madre?” chiese Rama con un sorriso. “Per favore, prenda che i tuoi doni siano concessi. Chiama Bharata. Oggi inizierò per la foresta.” Rama fece i suoi pranam a suo padre venerato, Dasharatha, e alla sua matrigna, Kakeyi, e poi lasciò la stanza. Dasharatha era sotto shock. Chiese dolorosamente ai suoi assistenti di trasferirlo nell’appartamento di Kaushalya. Stava aspettando la morte per alleviare il suo dolore. La notizia dell’esilio di Rama si diffuse come un fuoco. Lakshmana era furioso per la decisione di suo padre. Rama rispose semplicemente: “Vale la pena sacrificare il tuo principio per il bene di questo piccolo regno?” Le lacrime sgorgarono dagli occhi di Lakshmana e disse a bassa voce: “Se devi andare nella foresta, portami con te.” Concordò Rama. Quindi Rama si avvicinò a Sita e le chiese di rimanere indietro. “Prenditi cura di mia madre, Kausalya, in mia assenza.” Sita supplicò: “Abbi pietà di me. La posizione di una moglie è sempre accanto a suo marito. Non lasciarmi indietro. Morirò senza di te.” Alla fine Rama permise a Sita di seguirlo. Anche Urmila, moglie dei Lakshamani, voleva andare con Lakshmana nella foresta. Ma Lakshmana le ha spiegato la vita che ha intenzione di condurre per la protezione di Rama e Sita. “Se mi accompagni, Urmila”, disse Lakshmana, “potrei non essere in grado di adempiere ai miei doveri. Per favore, prenditi cura dei nostri familiari in lutto.” Quindi Urmila rimase indietro su richiesta di Lakshmana. Entro quella sera Rama, Sita e Lakshmana lasciarono Ayodhya su un carro guidato da Sumatra. Erano vestiti da mendicanti (Rishis). La gente di Ayodhya corse dietro al carro piangendo a gran voce per Rama. Al calar della notte raggiunsero tutti la riva del fiume, Tamasa. La mattina dopo Rama si svegliò e disse a Sumantra: “La gente di Ayodhya ci ama moltissimo ma dobbiamo stare da soli. Dobbiamo condurre la vita di un eremita, come ho promesso. Continuiamo il nostro viaggio prima di svegliarci “. Quindi, Rama, Lakshmana e Sita, guidati da Sumantra, continuarono il loro viaggio da soli. Dopo aver viaggiato tutto il giorno, raggiunsero la riva del Gange e decisero di passare la notte sotto un albero vicino a un villaggio di cacciatori. Il capo, Guha, venne e offrì loro tutti i comfort di casa sua. Ma Rama rispose: “Grazie Guha, apprezzo la tua offerta di buon amico, ma accettando la tua ospitalità infrangerò la mia promessa. Per favore, permettici di dormire qui come fanno gli eremiti.” La mattina dopo i tre, Rama, Lakshmana e Sita, salutarono Sumantra e Guha e salirono su una barca per attraversare il fiume, Gange. Rama si rivolse a Sumantra, “Ritorna ad Ayodhya e consola mio padre”. Quando Sumantra raggiunse Ayodhya Dasharatha era morta, piangendo fino al suo ultimo respiro, “Rama, Rama, Rama!” Vasishtha mandò un messaggero a Bharata chiedendogli di tornare ad Ayodhya senza rivelare i dettagli. Bharata tornò immediatamente con Shatrughna. Mentre entrava nella città di Ayodhya, si rese conto che c’era qualcosa di terribilmente sbagliato. La città era stranamente silenziosa. Andò dritto da sua madre, Kaikeyi. Sembrava pallida. Bharat chiese impazientemente: “Dov’è il padre?” Rimase sbalordito dalla notizia. Lentamente apprese dell’esilio di Ramas per quattordici anni e Dasharathas morì con la partenza di Rama. Bharata non poteva credere che sua madre fosse la causa del disastro. Kakyei cercò di far capire a Bharata che aveva fatto tutto per lui. Ma Bharata si allontanò da lei con disgusto e disse: “Non sai quanto amo Rama? Questo regno non vale nulla in sua assenza. Mi vergogno di chiamarti mia madre. Sei senza cuore. Hai ucciso mio padre e bandito il mio amato fratello. Non avrò niente a che fare con te finché vivrò “. Quindi Bharata partì per l’appartamento di Kaushalyas. Kakyei si rese conto dell’errore che aveva fatto. Kaushalya ha ricevuto Bharata con amore e affetto. Rivolgendosi a Bharata, disse: “Bharata, il regno ti sta aspettando. Nessuno ti si opporrà per salire al trono. Ora che tuo padre non c’è più, vorrei anche andare nella foresta e vivere con Rama.” Bharata non riuscì più a trattenersi. Scoppiò in lacrime e promise a Kaushalya di riportare Rama ad Ayodhya il più rapidamente possibile. Capì che il trono apparteneva giustamente a Rama. Dopo aver completato i riti funebri per Dasharatha, Bharata iniziò per Chitrakut dove alloggiava Rama. Bharata fermò l’esercito a una distanza rispettosa e camminò da solo per incontrare Rama. Vedendo Rama, Bharata cadde ai suoi piedi chiedendo perdono per tutte le azioni sbagliate. Quando Rama chiese: “Come sta il padre?” Bharat cominciò a piangere e diede la triste notizia; “Nostro padre è partito per il paradiso. Al momento della sua morte, ha costantemente preso il tuo nome e non si è mai ripreso dallo shock della tua partenza.” Rama è crollato. Quando arrivò ai sensi, andò al fiume, Mandakini, per offrire preghiere per il suo defunto padre. Il giorno successivo, Bharata chiese a Rama di tornare ad Ayodhya e governare il regno. Ma Rama rispose fermamente: “Non posso assolutamente disobbedire a mio padre. Tu regni il regno e manterrò il mio impegno. Tornerò a casa solo dopo quattordici anni.” Quando Bharata realizzò la fermezza di Ramas nell’adempiere alle sue promesse, pregò Rama di dargli i suoi sandali. Bharata disse a Rama che i sandali rappresenteranno Rama e che svolgerà i compiti del regno solo come rappresentante di Ramas. Rama concordò con grazia. Bharata portò i sandali ad Ayodhya con grande rispetto. Dopo aver raggiunto la capitale, mise i sandali sul trono e governò il regno in nome di Ramas. Lasciò il palazzo e visse come un eremita, come fece Rama, contando i giorni del ritorno di Ramas. Quando Bharata se ne andò, Rama andò a trovare Sage Agastha. Agastha chiese a Rama di trasferirsi a Panchavati sulla riva del fiume Godavari. Era un posto bellissimo. Rama progettò di rimanere a Panchavati per qualche tempo. Quindi, Lakshamana ha rapidamente creato una capanna elegante e tutti si sono sistemati. Surpanakha, la sorella di Ravana, viveva a Panchavati. Ravana era quindi il re Asura più potente che viveva in Lanka (oggi Ceylon). Un giorno Surpanakha vide Rama e si innamorò all’istante di lui. Ha chiesto a Rama di essere suo marito. Rama era divertito, e sorridendo disse: “Come vedi sono già sposato. Puoi chiedere a Lakshmana. È giovane, bello ed è solo senza sua moglie.” Surpanakha prese sul serio la parola di Rama e si avvicinò a Lakshmana. Lakshmana disse: “Sono il servitore di Rama. Dovresti sposare il mio padrone e non io, il servo”. Surpanakha si arrabbiò con il rifiuto e attaccò Sita per divorarla. Lakshmana intervenne rapidamente e si tagliò il naso con il suo pugnale. Surpanakha scappò con il naso sanguinante, piangendo per il dolore, in cerca di aiuto dai suoi fratelli Asura, Khara e Dushana. Entrambi i fratelli si arrossarono di rabbia e marciarono il loro esercito verso Panchavati. Rama e Lakshmana affrontarono i Rakshasa e alla fine furono tutti uccisi. Il rapimento di Sita – Surpanakha fu colpito dal terrore. Volò immediatamente in Lanka per cercare la protezione di suo fratello Ravana. Ravana fu oltraggiata nel vedere sua sorella mutilata. Surpanakha descrisse tutto ciò che accadde. Ravana era interessato quando ha saputo che Sita è la donna più bella del mondo, Ravana ha deciso di rapire Sita. Rama amava molto Sita e non poteva vivere senza di lei. Ravana fece un piano e andò a trovare Maricha. Maricha aveva il potere di trasformarsi in qualsiasi forma desiderasse insieme all’imitazione della voce appropriata. Ma Maricha aveva paura di Rama. Non riusciva ancora a superare l’esperienza che ebbe quando Rama lanciò una freccia che lo scagliò lontano nel mare. Questo è successo nell’eremo di Vashishtha. Maricha cercò di convincere Ravana a stare lontano da Rama ma Ravana era determinato. “Maricha!” gridò Ravana, “Hai solo due scelte, aiutami a portare a termine il mio piano o prepararti alla morte”. Maricha preferì morire nella mano di Rama piuttosto che essere ucciso da Ravana. Quindi accettò di aiutare Ravana nel rapimento di Sita. Maricha prese la forma di un bellissimo cervo dorato e cominciò a pascolare vicino al cottage di Rama a Panchavati. Sita fu attratta dal cervo d’oro e chiese a Rama di procurarle il cervo d’oro. Lakshmana ha avvertito che il cervo dorato potrebbe essere un demone sotto mentite spoglie. A quel punto Rama aveva già iniziato a inseguire il cervo. Diede in fretta a Lakshmana di occuparsi di Sita e corse dietro al cervo. Molto presto Rama si rese conto che il cervo non è reale. Ha lanciato una freccia che ha colpito il cervo e Maricha è stata scoperta. Prima di morire, Maricha imitò la voce di Ram e gridò: “Oh Lakshmana! Oh Sita,! Aiuto! Aiuto!” Sita sentì la voce e chiese a Lakshmana di correre e salvare Rama. Lakshmana era titubante. Era fiducioso che Rama fosse invincibile e la voce fosse solo un falso. Ha cercato di convincere Sita ma lei ha insistito. Alla fine Lakshmana fu d’accordo. Prima della sua partenza, ha disegnato un cerchio magico, con la punta della sua freccia, attorno al cottage e le ha chiesto di non attraversare la linea. “Finché rimani all’interno del cerchio sarai al sicuro con la grazia di Dio” disse Lakshmana e si affrettò a cercare Rama. Dal suo nascondiglio Ravana stava osservando tutto ciò che stava accadendo. Era contento che il suo trucco funzionasse. Non appena trovò Sita sola, si travestì da eremita e si avvicinò al cottage di Sita. Si fermò oltre la linea di protezione di Lakshmana e chiese l’elemosina (bhiksha). Sita uscì con una ciotola piena di riso da offrire al santo, rimanendo all’interno della linea di protezione tracciata da Lakshmana. L’eremita le chiese di avvicinarsi e offrire. Sita non voleva attraversare la linea quando Ravana fece finta di lasciare il posto senza elemosine. Poiché Sita non voleva infastidire il saggio, oltrepassò il limite per offrire l’elemosina. Ravana non ha perso l’occasione. Si avventò rapidamente su Sita e le afferrò le mani, dichiarando: “Io sono Ravana, il re dello Lanka. Vieni con me e diventa la mia regina”. Molto presto il carro di Ravana lasciò il terreno e sorvolò le nuvole sulla strada per Lanka. Rama si sentì angosciato quando vide Lakshmana. “Perché hai lasciato Sita da sola? Il cervo dorato era Maricha sotto mentite spoglie.” Lakshman cercò di spiegare la situazione quando entrambi i fratelli sospettarono un gioco disgustoso e corsero verso il cottage. Il cottage era vuoto, come temevano. Cercarono e chiamarono il suo nome ma invano. Alla fine furono esausti. Lakshmana ha cercato di consolare Rama nel miglior modo possibile. All’improvviso sentirono un grido. Corsero verso la fonte e trovarono un’aquila ferita stesa sul pavimento. Era Jatayu, il re delle aquile e un amico di Dasharatha. Jatayu narrò con grande dolore: “Ho visto Ravana rapire Sita. L’ho attaccato quando Ravana mi ha tagliato l’ala e mi ha reso impotente. Poi è volato verso sud.” Dopo aver detto questo, Jatayu è morto sulle ginocchia di Rama. Rama e Lakshmana seppellirono Jatayu e poi si spostarono verso sud. Sulla loro strada, Rama e Lakshmana incontrarono un feroce demone, chiamato Kabandha. Kabandha attaccò Rama e Lakshmana. Quando stava per divorarli, Rama colpì Kabandha con una freccia fatale. Prima della sua morte, Kabandh ha rivelato la sua identità. Aveva una bella forma che è stata cambiata da una maledizione alla forma di un mostro. Kabandha ha chiesto a Rama e Lakshmana di bruciarlo in cenere e questo lo riporterà alla vecchia forma. Inoltre consigliò a Rama di andare dal re scimmia Sugrive, che viveva nella montagna Rishyamukha, per ottenere aiuto per riconquistare Sita. Sulla strada per incontrare Sugriva, Rama visitò l’eremo di una vecchia pia donna, Shabari. Stava aspettando Rama da molto tempo prima di poter rinunciare al suo corpo. Quando Rama e Lakshmana fecero la loro apparizione, il sogno di Shabari fu realizzato. Si lavò i piedi, offrì loro le migliori noci e frutti che aveva raccolto per anni. Quindi prese le benedizioni di Rama e partì per il paradiso. Dopo una lunga passeggiata, Rama e Lakshmana raggiunsero il monte Rishyamukha per incontrare Sugriva. Sugriva ebbe un fratello Vali, il re di Kishkindha. Una volta erano buoni amici. Questo è cambiato quando sono andati a combattere con un gigante. Il gigante corse in una grotta e Vali lo seguì, chiedendo a Sugriva di aspettare fuori. Sugriva attese a lungo e poi tornò al palazzo in lutto, pensando che Vali fosse ucciso. Quindi divenne il re su richiesta del ministro. Dopo qualche tempo, improvvisamente Vali apparve. Era arrabbiato con Sugriva e lo incolpava di essere un imbroglione. Vali era forte. Ha cacciato Sugriva dal suo regno e ha portato via sua moglie. Da allora, Sugriva viveva nella montagna Rishyamukha, che era fuori limite per Vali a causa della maledizione di Rishi. Vedendo Rama e Lakshmana da lontano e non conoscendo lo scopo della loro visita, Sugriva mandò il suo caro amico Hanuman a scoprire la loro identità. Hanuman, travestito da asceta, venne da Rama e Lakshmana. I fratelli dissero a Hanuman della loro intenzione di incontrare Sugriva perché volevano il suo aiuto per trovare Sita. Hanuman fu colpito dal loro comportamento cortese e si tolse la veste. Quindi portò i principi sulle sue spalle a Sugriva. Lì Hanuman presentò i fratelli e narrò la loro storia. Quindi disse a Sugriva della loro intenzione di venire da lui. In cambio, Sugriva ha raccontato la sua storia e ha chiesto aiuto a Rama per uccidere Vali, altrimenti non avrebbe potuto aiutare anche se avesse voluto. Concordò Rama. Hanuman quindi accese un fuoco per testimoniare l’alleanza fatta. A tempo debito, Vali fu ucciso e Sugriva divenne il re di Kishkindha. Poco dopo che Sugriva assunse il regno di Vali, ordinò al suo esercito di procedere alla ricerca di Sita. Rama chiamò appositamente Hanuman e diede al suo anello dicendo: “Se qualcuno trova Sita, sarai tu Hanuman. Tieni questo anello per dimostrare la tua identità di messaggero. Dalo a Sita quando la incontri.” Hanuman con tutto il rispetto gli legò l’anello alla vita e si unì alla squadra di ricerca. Mentre volava Sita, lasciò cadere i suoi ornamenti per terra. Questi furono rintracciati dall’esercito delle scimmie e si concluse che Sita era trasportata verso sud. Quando l’esercito delle scimmie (Vanara) raggiunse la collina di Mahendra, situata sulla costa meridionale dell’India, incontrarono Sampati, fratello di Jatayu. Sampati ha confermato che Ravana ha portato Sita nello Lanka. Le scimmie erano perplesse, come attraversare l’enorme mare che si stendeva davanti a loro. Angada, figlio di Sugriva, chiese: “Chi può attraversare l’oceano?” il silenzio prevalse, fino a quando Hanuman non si avvicinò per provare. Hanuman era il figlio di Pavana, il dio del vento. Aveva un dono segreto di suo padre. Poteva volare. Hanuman si allargò a dimensioni enormi e fece un salto per attraversare l’oceano. Dopo aver superato molti ostacoli, alla fine Hanuman raggiunse Lanka. Presto contrasse il suo corpo e si posò come una minuscola creatura insignificante. Ben presto attraversò la città inosservato e riuscì a entrare nel palazzo in silenzio. Attraversò ogni stanza ma non riuscì a vedere Sita. Alla fine Hanuman trovò Sita in uno dei giardini di Ravana, chiamato Ashoka Grove (Vana). Era circondata dai Rakshashis che la stavano proteggendo. Hanuman si nascose su un albero e guardò Sita da lontano. Era in profonda angoscia, piangeva e pregava Dio per il suo sollievo. Il cuore di Hanuman si sciolse nella pietà. Prese Sita come sua madre. Proprio in quel momento Ravana entrò nel giardino e si avvicinò a Sita. “Ho aspettato abbastanza. Sii sensibile e diventa la mia regina. Rama non può attraversare l’oceano e attraversare questa città inespugnabile. Faresti meglio a dimenticarti di lui.” Sita rispose severamente: “Ti ho ripetutamente detto di restituirmi a Lord Rama prima che la sua ira cada su di te.” Ravana si arrabbiò, “Sei andato oltre i limiti della mia pazienza. Non mi dai altra scelta che ucciderti a meno che non cambi idea. Tra qualche giorno tornerò.” Non appena Ravana se ne andò, altri Rakshashis, che stavano frequentando Sita, tornarono e le suggerirono di sposare Ravana e godersi l’invidiabile ricchezza di Lanka. “Sita rimase in silenzio. Lentamente i Rakshashis si allontanarono, Hanuman scese dal suo nascondiglio e diede l’anello di Rama a Sita. Sita era elettrizzata. Voleva sapere di Rama e Lakshmana. Dopo aver conversato per un po ‘Hanuman chiese a Sita di fare un giro sulla schiena per tornare a Rama. Sita non era d’accordo. “Non voglio tornare a casa in segreto” disse Sita, “Voglio che Rama sconfigga Ravana e mi riporti con onore.” Hanuman concordò. Quindi Sita diede la sua collana ad Hanuman come prova a conferma del loro incontro. Uccisione di Ravana – Prima di partire dal boschetto di Ashoka (Vana), Hanuman voleva che Ravana avesse una lezione per la sua condotta scorretta. Così iniziò a distruggere il boschetto di Ashoka sradicando gli alberi. Presto i guerrieri Rakshasa arrivarono correndo per catturare la scimmia ma furono picchiati. Il messaggio raggiunse Ravana. Era arrabbiato. Chiese a Indrajeet, suo abile figlio, di catturare Hanuman. Ne conseguì una feroce battaglia e Hanuman fu finalmente catturato quando Indrajeet usò l’arma più potente, il missile Brahmastra. Hanuman fu portato alla corte di Ravana e il prigioniero stava di fronte al re. Hanuman si presentò come il messaggero di Rama. “Hai rapito la moglie del mio onnipotente maestro, Lord Rama. Se vuoi la pace, restituiscila con onore al mio padrone, altrimenti tu e il tuo regno sarete distrutti.” Ravana era selvaggia di rabbia. Ordinò di uccidere Hanuman all’istante quando il fratello minore Vibhishana obiettò. “Non puoi uccidere l’inviato di un re” disse Vibhishana. Quindi Ravana ordinò che la coda di Hanuman venisse incendiata. L’esercito di Rakshasa portò Hanuman fuori dalla sala, mentre Hanuman aumentò le sue dimensioni e allungò la coda. Era avvolto con stracci e corde e imbevuto di olio. Fu quindi sfilato per le strade di Lanka e una grande folla seguì per divertirsi. La coda fu data alle fiamme ma a causa della sua divina benedizione Hanuman non sentì il calore. Presto ridusse le sue dimensioni e si scrollò di dosso le corde che lo legavano e fuggì. Quindi, con la torcia della sua coda infuocata, saltò da un tetto all’altro per dare fuoco alla città di Lanka. La gente ha iniziato a correre, creando caos e orribili grida. Alla fine Hanuman andò in riva al mare e spense il fuoco nell’acqua del mare. Ha iniziato il suo volo verso casa. Quando Hanuman si arruolò nell’esercito delle scimmie e narrò la sua esperienza, tutti risero. Presto l’esercito tornò a Kishkindha. Quindi Hanuman andò rapidamente da Rama per dare il suo resoconto di prima mano. Prese il gioiello che Sita gli diede e lo mise nelle mani di Rama. Rama scoppiò in lacrime quando vide il gioiello. Si rivolse a Hanuman e disse: “Hanuman! Hai ottenuto ciò che nessun altro poteva. Cosa posso fare per te?” Hanuman si prostrò davanti a Rama e cercò la sua divina benedizione. Sugriva ha quindi discusso in dettaglio con Rama il loro prossimo corso d’azione. In un’ora favorevole l’intero esercito di scimmie partì da Kishkindha verso la collina di Mahendra, situata sul lato opposto di Lanka. Quando raggiunse Mahendra Hill, Rama affrontò lo stesso problema, come attraversare l’oceano con l’esercito. Chiese un incontro di tutti i capi delle scimmie e cercò i loro suggerimenti per una soluzione. Quando Ravana venne a sapere dai suoi messaggeri che Rama era già arrivato a Mahendra Hill e si stava preparando ad attraversare l’oceano verso Lanka, convocò i suoi ministri per un consiglio. Decisero all’unanimità di combattere Rama fino alla sua morte. Per loro, Ravana era indistruttibile e loro, imbattibili. Solo Vibhishana, il fratello minore di Ravana, era cauto e contrario a questo. Vibhishana disse: “Fratello Ravana, devi restituire la casta, Sita, a suo marito, Rama, per chiedere il suo perdono e ristabilire la pace”. Ravana si arrabbiò con Vibhishana e gli disse di lasciare il regno di Lanka. Vibhishana, attraverso il suo potere magico, raggiunse Mahendra Hill e chiese il permesso di incontrare Rama. Le scimmie erano sospettose ma lo portarono da Rama come prigioniero. Vibhishana ha spiegato a Rama tutto ciò che è accaduto nella corte di Ravana e ha chiesto asilo. Rama gli diede il santuario e Vibhishana divenne il consigliere più vicino a Rama nella guerra contro Ravana. Rama promise a Vibhishana di renderlo il futuro re dello Lanka. Per raggiungere Lanka, Rama decise di costruire un ponte con l’aiuto dell’ingegnere scimmia Nala. Ha anche convocato Varuna, il dio dell’oceano, a cooperare rimanendo calmo mentre il ponte era in costruzione. Immediatamente migliaia di scimmie si misero al compito di raccogliere i materiali per costruire il ponte. Quando i materiali furono ammucchiati in cumuli, Nala, il grande architetto, iniziò a costruire il ponte. È stata un’impresa stupenda. Ma l’intero esercito di scimmie ha lavorato duramente e ha completato il ponte in soli cinque giorni. L’esercito attraversò lo Sri Lanka. Dopo aver attraversato l’oceano, Rama mandò Angada, figlio di Sugrive, a Ravana come messaggero. Angada andò alla corte di Ravana e consegnò il messaggio di Rama, “Restituisci Sita con onore o affronta la distruzione”. Ravana si arrabbiò e lo ordinò immediatamente di uscire dal campo. Angada tornò con il messaggio di Ravanas e iniziarono i preparativi per la guerra. La mattina dopo Rama ordinò all’esercito delle scimmie di attaccare. Le scimmie si precipitarono in avanti e lanciarono enormi massi contro le mura e le porte della città. La battaglia è continuata per molto tempo. Migliaia di persone erano morte su ogni lato e il terreno era inzuppato di sangue. Quando l’esercito di Ravana stava perdendo, Indrajeet, il figlio di Ravana, prese il comando. Aveva la capacità di combattere rimanendo invisibile. Le sue frecce legavano Rama e Lakshmana con i serpenti. Le scimmie iniziarono a correre con la caduta dei loro capi. All’improvviso, Garuda, il re degli uccelli e il nemico giurato dei serpenti, arrivarono in loro soccorso. Tutti i serpenti strisciarono via lasciando liberi i due fratelli coraggiosi, Rama e Lakshmana. Sentendo ciò, Ravana stesso si fece avanti. Lanciò il potente missile, Shakti, a Lakshmana. Scese come un fulmine violento e colpì forte il petto di Lakshmana. Lakshmana cadde insensata. Rama non perse tempo per farsi avanti e sfidò Ravana stesso. A seguito di un feroce combattimento, il carro di Ravana fu distrutto e Ravana fu gravemente ferito. Ravana rimase impotente davanti a Rama, quindi Rama ebbe pietà di lui e disse: “Vai a riposare ora. Torna domani per riprendere la nostra lotta.” Nel frattempo Lakshmana si riprese. Ravana fu vergognoso e chiese aiuto a suo fratello Kumbhakarna. Kumbhakarna aveva l’abitudine di dormire per sei mesi alla volta. Ravana gli ordinò di essere svegliato. Kumbhakarna dormiva profondamente e ci volle il battito della batteria, il piercing di strumenti affilati e gli elefanti che camminavano su di lui per svegliarlo. Fu informato dell’invasione di Rama e degli ordini di Ravana. Dopo aver mangiato una montagna di cibo, Kumbhakarna apparve sul campo di battaglia. Era enorme e forte. Quando si avvicinò all’esercito delle scimmie, come una torre pedonale, le scimmie si misero alle calcagna terrorizzate. Hanuman li richiamò e sfidò Kumbhakarna. Ne conseguì una grande battaglia finché Hanuman non fu ferito. Kumbhakarna si diresse verso Rama, ignorando l’attacco di Lakshmana e altri. Perfino Rama trovava Kumbhakarna difficile da uccidere. Rama alla fine scaricò la potente arma che ottenne dal dio del vento, Pavana. Kumbhakarna è morto. Sentendo la notizia della morte di suo fratello, Ravana svenne. Dopo essersi ripreso, si lamentò a lungo e poi chiamò Indrajeet. Indrajeet lo consolò e promise di sconfiggere rapidamente il nemico. Indrajeet iniziò a impegnarsi nella battaglia nascosta in modo sicuro dietro le nuvole e invisibile a Rama. Rama e Lakshmana sembravano impotenti ad ucciderlo, poiché non poteva essere localizzato. Le frecce provenivano da tutte le direzioni e infine una delle potenti frecce colpì Lakshmana. Questa volta tutti pensarono che Lakshmana fosse morta e Sushena, il medico dell’esercito di Vanara, fu chiamato. Dichiarò che Lakshmana era in coma profondo e ordinò a Hanuman di partire immediatamente per Gandhamadhana Hill, situato vicino all’Himalaya. Gandhamadhana Hill sviluppò la medicina speciale, chiamata Sanjibani, che era necessaria per far rivivere Lakshmana. Hanuman si sollevò in aria e percorse l’intera distanza dal Lanka all’Himalaya e raggiunse la collina di Gandhamadhana. Non essendo in grado di localizzare l’erba, sollevò l’intera montagna e la portò in Lanka. Sushena applicò immediatamente l’erba e Lakshmana riprese conoscenza. Rama fu sollevato e la battaglia riprese. Questa volta Indrajeet ha giocato un brutto scherzo a Rama e al suo esercito. Si precipitò in avanti sul suo carro e creò un’immagine di Sita attraverso la sua magia. Catturando l’immagine di Sita per i capelli, Indrajeet decapitò Sita di fronte all’intero esercito dei Vanara. Rama è crollato. Vibhishana venne in suo soccorso. Quando Rama ha capito, Vibhishana ha spiegato che era solo un trucco interpretato da Indrajeet e che Ravana non avrebbe mai permesso a Sita di essere ucciso. Vibhishana spiegò ulteriormente a Rama che Indrajeet stava realizzando i suoi limiti per uccidere Rama. Quindi avrebbe presto eseguito una speciale cerimonia sacrificale per acquisire quel potere. Se avesse successo, sarebbe diventato invincibile. Vibhishana suggerì a Lakshmana di andare immediatamente per ostacolare quella cerimonia e uccidere Indrajeet prima che diventasse di nuovo invisibile. Rama di conseguenza mandò Lakshmana, accompagnato da Vibhishana e Hanuman. Raggiunsero presto il punto in cui Indrajeet era impegnato nell’esecuzione del sacrificio. Ma prima che il principe Rakshasa potesse completarlo, Lakshmana lo attaccò. La battaglia fu feroce e alla fine Lakshmana tagliò la testa di Indrajeet dal suo corpo. Indrajeet è morto. Con la caduta di Indrajeet, lo spirito di Ravanas era in completa disperazione. Gemette pietosamente, ma presto il dolore lasciò il posto alla rabbia. Si precipitò furiosamente sul campo di battaglia per concludere la lunga battaglia contro Rama e il suo esercito. Forzando la sua strada, oltre Lakshmana, Ravana si trovò faccia a faccia con Rama. La lotta è stata intensa. Alla fine Rama usò il suo Brahmastra, ripeté i mantra come insegnato da Vashishtha e lo scagliò con tutte le sue forze verso Ravana. Il Brahmastra sfrecciò nell’aria emettendo fiamme ardenti e poi trafisse il cuore di Ravana. Ravana cadde morto dal suo carro. I Rakshasa rimasero in silenzio per lo stupore. Potevano a malapena credere ai loro occhi. La fine è stata così improvvisa e definitiva. L’incoronazione di Rama – Dopo la morte di Ravana, Vibhishana fu debitamente incoronato re di Lanka. Il messaggio della vittoria di Rama è stato inviato a Sita. Fortunatamente si fece il bagno e venne a Rama in un palanchino. Hanuman e tutte le altre scimmie vennero a pagare il loro rispetto. Incontrando Rama, Sita fu sopraffatta dalla sua gioiosa emozione. Rama, tuttavia, sembrava essere molto distante dai suoi pensieri. Alla fine Rama parlò: “Sono felice di salvarti dalle mani di Ravana ma hai vissuto un anno nella dimora del nemico. Non è corretto che ora ti riporti indietro.” Sita non riusciva a credere a quello che diceva Rama. Scoppiando in lacrime Sita chiese: “È stata colpa mia? Il mostro mi ha portato via contro i miei desideri. Mentre ero nella sua residenza, la mia mente e il mio cuore erano fissi sul mio Signore, Rama, da solo.” Sita si sentì profondamente addolorata e decise di porre fine alla sua vita nel fuoco. Si voltò verso Lakshmana e con gli occhi pieni di lacrime lo implorò di preparare il fuoco. Lakshmana guardò suo fratello maggiore, sperando in un qualche tipo di rimorso, ma non c’era alcun segno di emozione sul volto di Ramas e nessuna parola gli uscì dalla bocca. Come indicato, Lakshmana ha acceso un grande fuoco. Sita riverì con riverenza suo marito e si avvicinò al fuoco ardente. Unendosi ai suoi palmi di saluto, si rivolse ad Agni, il Dio del fuoco, “Se io sono puro, o fuoco, proteggimi”. Con queste parole Sita entrò tra le fiamme, con orrore degli spettatori. Quindi Agni, che Sita invocò, sorse dalle fiamme e sollevò delicatamente Sita incolume, e la presentò a Rama. “Rama!” disse Agni, “Sita è immacolata e pura nel cuore. Portala ad Ayodhya. La gente ti sta aspettando.” Rama la accolse deliziosamente. “Non so che è pura? Ho dovuto metterla alla prova per il bene del mondo in modo che la verità potesse essere conosciuta da tutti.” Rama e Sita erano ora riuniti e salirono su un carro aereo (Pushpaka Viman), insieme a Lakshmana per tornare ad Ayodhya. Hanuman andò avanti per informare Bharata del loro arrivo. Quando la festa raggiunse Ayodhya, l’intera città era in attesa di riceverli. Rama fu incoronato e prese le redini del governo con grande gioia dei suoi sudditi. Questo poema epico ha avuto un’influenza notevole su molti poeti e scrittori indiani di tutte le età e lingue. Sebbene esistesse in sanscrito per secoli, il Ramayana fu introdotto per la prima volta in Occidente nel 1843 in italiano da G. Gorresio. (Subhamoy Das)