Crea sito

L’albero della vita

L’albero della vita è un simbolo e un archetipo che fa parte del mondo della mitologia, è legato soprattutto alla tradizione celtica e alla Cabala. L’immagine dell’albero della vita accompagna molte religioni e credenze, con il significato principale di un albero che serve a rappresentare il mondo e l’universo, oppure una particolare genealogia, assumendo il significato di albero genealogico. A volte l’albero della vita assume il significato di albero della conoscenza che connette il mondo in cui viviamo con l’oltretomba o con il paradiso. Nel mondo della scienza Charles Darwin ha utilizzato l’immagine dell’albero della vita per spiegare la teoria dell’evoluzione. L’albero della vita viene definito come un albero mistico e magico e costituisce un simbolo proprio di numerose culture fin da tempi molto antichi. In generale questo albero simboleggia la fonte della vita con alcune sfumature differenti nelle varie culture. Nell’albero della vita troviamo alcune parti principali: le radici, il tronco, le foglie e diversi tipi di frutti che maturano sullo stesso albero. Le radici sono profonde e rendono stabile l’albero della vita verso la terra mentre i rami si protendono verso il cielo. Alle foglie dell’albero della vita sono associate proprietà curative mentre i frutti sono un simbolo di nutrimento non solo concreto ma anche spirituale. Non dimentichiamo che in tutte le culture l’albero è un simbolo universale della vita. Dona l’ossigeno che permette la nostra sopravvivenza e ci consente di avanzare nella nostra esistenza. Gli alberi sono anche fonti di energia positiva e di vibrazioni naturali che ci donano maggiore energia ed è per questo motivo che ci sentiamo molto meglio dopo una passeggiata in un parco o in un bosco, muovendoci tra gli alberi. Nella Cabala e nel misticismo ebraico l’albero della vita diventa un simbolo fondamentale ed è formato da dieci nodi interconnessi tra loro. L’albero della vita qui rappresenta l’obiettivo di riportare armonia in tutta la Creazione. Il simbolo dell’albero della vita proprio dell’antica Cabala è stato in seguito adottato da diverse tradizioni religiose e teologie esoteriche oltre che da pratiche magiche anche con diversi significati. Dal rinascimento in poi infatti la Cabala ebraica è entrata a fare parte della cultura occidentale anche tra i non ebrei e ha raggiunto anche il cristianesimo, l’occultismo e l’esoterismo. L’albero della vita nella Cabala è legato alla formula complessa dell’esistenza e della creazione, con il flusso della creazione dal Divino alla Terra e con il ritorno al Divino. Nella Cabala l’albero della vita è composto da dieci sefira, con ventidue sentieri comunicanti. La parola sefira viene ricollegata al termine sfera ma in realtà ha altri significati: libro o racconto, luce o pietra preziosa, numero. La colonna di sinistra rappresenta l’aspetto femminile della creazione e contiene tre sefira: Intelligenza, Forza, Splendore. La colonna di destra rappresenta gli aspetti maschili della creazione e contiene tre sefira: Saggezza, Amore, Eternità. Il pilastro centrale rappresenta l’equilibrio tra i pilastri maschili e femminili. Contiene quattro sefira: Corona, Bellezza, Fondamento, Regno. Si aggiunge anche un quinto punto che indica la Conoscenza. L’albero della vita della Cabala è associato all’albero del giardino dell’Eden, custodito da un serpente e accanto a cui scorre un fiume la cui acqua è fonte di vita e nutrimento. Il popolo celtico era molto legato agli alberi. La tradizione ha fatto arrivare fino a noi l’oroscopo celtico a cui ad ogni periodo dell’anno è associato a un albero che dà un significato particolare alla propria data di nascita. Nell’albero della vita celtico abbiamo rami che si intrecciano e si uniscono formando una trama complessa. Nella simbologia celtica il tronco dell’albero della vita rappresenta il mondo in cui viviamo. Le radici sono il collegamento con i mondi inferiori mentre i rami dell’albero ci portano verso i mondi superiori. In gaelico l’albero della vita è chiamato Crann Bethadh. I rami rappresentano la complessa trama della vita e con i loro nodi stanno ad indicare i diversi eventi che compongono l’esistenza e gli ostacoli da affrontare. Quando parliamo di albero della vita per i Celti parliamo anche di evoluzione spirituale perché questo albero rappresenta l’evoluzione dello spirito dai mondi inferiori verso i mondi superiori. L’idea è dunque di un miglioramento della persona attraverso gli ostacoli da affrontare nella vita. I rami chiusi e i nodi possono rappresentare i sentieri ‘sbagliati’ e le strade senza uscita che ci capita di incontrare nella vita. Nell’esistenza delle popolazioni celtiche – e non solo – l’albero rappresentava un rifugio per le persone e per gli animali ma anche una fonte di cibo grazie ai suoi frutti e di cura e medicine grazie alle sue foglie o alle sue bacche. Tagliare un albero per i Celti equivaleva ad un grave crimine. Ora comprendiamo meglio il significato dell’importanza degli alberi e della natura per queste antiche popolazioni e speriamo di imparare proprio dai loro simboli e tradizioni un maggior rispetto per l’ambiente. (Marta Albè) L’albero della vita – “E il Signore Dio piantò un giardino in Eden ad oriente; e là mise l’uomo che aveva formato.   E dal suolo fece il SIGNORE DIO che crescesse ogni albero piacevole alla vista e buono da mangiare; l’albero della vita anche in mezzo al giardino e l’albero della conoscenza del bene e del male. ” – Genesi 2: 8-9   L’Albero della Vita è rappresentativo di entrambi questi alberi e dalla Ha Qabala è mostrato in diverse forme.  KETHER Corona – Dalla luce illimitata cristallizzava il punto primordiale Kether. Perfetto e autosufficiente, rimane nell’eternità, il fulcro di un cerchio, il cui centro è ovunque e la cui circonferenza non è da nessuna parte. BINAH CHOKMAH Urano – Nettuno – Comprensione – Saggezza. Con un ruggito di silenzio, l’energia illimitata di Kether ruppe i legami e fuggì nel vuoto infinito.   Questo incredibile momento di pura esistenza è simboleggiato da Chokmah; con l’energia di spinta illimitata di Chokmah confinata, rinchiusa in un cerchio di sua creazione.   Una forza incondizionata è morta; ma morendo ha dato vita alla prima idea di forma, un circolo chiuso di energia, Binah.   Kether, il punto, è diventato la linea (Forza) e il cerchio (Forma). DAATH Plutone – Conoscenza – GEBURAH Saturno Gravità / Forza – CHESED Giove Misericordia / Maestà – TIPHARETH – Sun – Equilibrio. Come riflesso di Kether, Chokmah e Binah – rivolti verso il basso – gli elementi della dualità, Chesed e Geburah, si congiungono e dalla loro unione nasce la nuova unità di Tiphareth. C’è una realtà; tutto il resto sono immagini e riflessi. Aggiungendo un’altra dimensione al primo triangolo, un cerchio è diventato una sfera, con le polarità invertite. Chesed porta la forma, Geburah il dinamismo e Tiphareth, come equilibrio, l’essenza della fase successiva. NETZACH Marte Vittoria / Potere – HOD Venere Bellezza / Gloria – YESOD Mercurio Fondazione – Il processo viene ripetuto, il triangolo rivolto verso il basso (ancora un riflesso di Kether-Chokmah-Binah). Netzach è il partner dinamico, Hod rappresenta la forma, Yesod, il prodotto della loro interazione. Dall’armonia di Tiphareth proveniva Netzach, pura forza elementale. Hod è la forma astrale, mentre Yesod è la condizione risultante dell’intero Albero della Vita e porta i titoli: il tesoro, la casa delle immagini e il meccanismo dell’universo. MALKUTH Terra una luna Il Regno – Malkuth rappresenta il mondo fisico della materia, lo stadio finale della discesa nella materia, il punto più basso del grande arco dell’evoluzione. Se Kether ha in sé l’idea di tutta la vita creata, spiegata come la quercia nella ghianda, allora Malkuth rappresenta l’espressione più completa della vita. Se Kether è l’alfa dell’universo, allora Malkuth è il suo omega. Gli studenti dell’Albero della Vita noteranno una differenza nella designazione di pianeti specifici alle Sephiroth.   Si ritiene che la versione di cui sopra sia una descrizione più accurata.   Ad esempio, sotto Kether, Chokmah, Binah e Daath c’è una barriera orizzontale conosciuta come il velo .   Si può pensare che il Velo separi quei pianeti (es. Saturno) visibili ad occhio nudo da quelli al di là, cioè Plutone, Nettuno e Urano.   Così tra Saturno e Urano c’è un abisso paragonato a un velo .   Saturno diventa Geburah, dove la connotazione di “Severità / Forza” è una descrizione migliore di Saturno rispetto a “Comprensione”.  Urano, d’altra parte, è “Comprensione”, cioè “Lo so” (iniziazione collettiva), proprio come Nettuno è “Saggezza”, cioè “Io risolvo, riscatto ed espio”.   Plutone è semplicemente “Gnosi / Conoscenza” (con Daath che è conoscenza nascosta, esoterica o profonda).   Un Abisso separa Kether da tutto il resto, come se rappresentasse un decimo pianeta che ha un abisso tra esso e il resto del sistema solare. Come il velo , l’ Abisso delinea un abisso nella coscienza; il primo tra visibile e invisibile e il secondo tra noto e sconosciuto. Questa variazione nell’albero tradizionale per tenere conto dell’Abisso e del Velo , colloca anche Marte come Netzach (“Vittoria / Potere”), Venere come Hod (“Bellezza / Gloria”) e Mercurio come Yesod (“Fondazione” – “Conoscerete la verità …”); che sono tutti più appropriati.   Malkuth (“Il Regno”) combina quindi il sistema Terra-Luna – astronomicamente ed esotericamente, più probabilmente la verità rispetto alla versione tradizionale e tramandata.  La descrizione cabalistica prevede tre pilastri, governati dalle “lettere madri”, Mem, Aleph e Shin, e che rappresentano “Severità, Mitezza e Misericordia”. La gravità è quindi Urano, Saturno e Marte; La misericordia è Nettuno, Giove e Venere e la Mitezza è Plutone, Sole, Mercurio, Luna e Terra. Queste sono descrizioni quasi ideali, astrologicamente. Anche la Stella di David è rappresentata da un triangolo Daath-Venere-Marte (rivolto verso l’alto), e dal triangolo Mercurio-Saturno-Giove (rivolto verso il basso) e che circonda il Sole (Tiphareth). Il triangolo superiore di Kether, Binah e Chokmah rende Plutone, come Daath – il “ponte arcobaleno” tra i pianeti esterno e interno – essenziale per l’Albero della Vita Cabalistico.  Anche l’assegnazione rabbinica della conoscenza a Daath / Plutone ha perfettamente senso.  Fondamentalmente, un difetto praticamente in tutte le presentazioni dell’Albero della Vita è l’uso di una pagina bidimensionale per rappresentare un concetto tridimensionale (o multidimensionale).   Il “lampo di luce” della tradizionale Ha Qabala può essere rappresentato più accuratamente da una spirale (ad es. La spirale aurea ), un corno di montone nel simbolismo giudaico ortodosso, l’antilope Kudu (in   Geometry of Alphabets una forma a spirale genera l’intero alfabeto ebraico – – quest’ultimo che può anche essere pensato come tre simboli -dimensionale), e / o il corno a spirale di crescente dimensione, come si entra nel mondo terreno, l’accesso punto-zero.  Il simbolismo è fondamentale per tutti gli aspetti dell’Albero della Vita.   A questo proposito, è essenziale rendersi conto che un simbolo può spesso fornire una ricchezza di informazioni molto maggiore di qualsiasi quantità di scrittura o linguaggio.   In verità, un’immagine valepiù dimilleparole.   Di conseguenza, tutte le versioni più efficaci dell’Albero della Vita includono le lettere dell’alfabeto ebraico, oltre a Tarocchi , Astrologia e altre interpretazioni simboliche.   Per esempio: KETHER (Kaph, Tau, Resh). Nascosto del Nascosto, Antico degli Antichi, Lux Occulta, Lus Interna. Arcangelo: Metatron – Tarocchi: Assi di Bastoni, Coppe, Spade, Denari. Il punto, la corona, la svastica    (radici dei poteri del fuoco, dell’acqua, dell’aria e della terra). BINAH CHOKMAH (Beth, Yod, Nun, He)(Cheth, Kaph, Mem, He). Ama, Aima, Khosia, Marah, il Grande Mare. Potere di Yetzirah, Yod del Tetragrammaton. Arcangelo: Tzaphkiel – Tarocchi : tre di bacchette, coppe, spade, pentacoli (forza stabilita, abbondanza, dolore, opere materiali). Arcangelo: Ratziel – Tarocchi: Due di Bacchette, Coppe, Spade, Denari (Dominio, amore, pace restaurata, cambiamento armonioso). Yoni, Kteis, Vesica Pisces , Cup, Chalice. Lingam, Fallo, Yod, Torre, Verga del Potere. DAATH Mistero della Conoscenza, Yod, il bellissimo sentiero interiore. In linea con il Kundalini, avvolto in Yesod. GEBURAH CHESED (Gimbel, Beth, Vau, Resh, He). (Cheth, Samech, Daleth). Din: giustizia, Pachad: paura. Gedulah, amore, maestà. Arcangelo: Khamael – Tarocchi: cinque di bacchette, coppe, spade e pentacoli (conflitto, perdita di piacere, sconfitta, guai terreni). Arcangelo: Tzadkiel – Tarocchi: Quattro di bacchette, coppe, spade, denari (lavoro perfetto, piacere, riposo dal conflitto, potere terreno). Pentagono, spada, lancia, flagello, catena. Tetraedro, Piramide, Croce, Bacchetta, Scettro. TIPHARETH (Tau, Pe, Aleph, Resh, Tau). Zoar Anpin, il volto inferiore.   Melekh, il re.   Adamo, figlio, uomo. Arcangelo: Raphael – Tarocchi: sei di bacchette, coppe, spade e pentacoli (vittoria, gioia, successo ottenuto, successo materiale). Il Lamen, Croce Rosata, Croce Calvario, Tronco Piramide, Cubo. NETZACH HOD (Suora, Tzaddi, Cheth) (Lui, Vau, Daleth).  Titolo: Firmness.  Immagine:   un ermafrodita. Arcangelo: Haniel – Tarocchi: sette di bacchette, coppe, spade e denari (valore, successo illusorio, sforzo instabile, successo non realizzato).  Arcangelo: Michele – Tarocchi: Otto di bacchette, coppe, spade, denari  (rapidità, successo abbandonato, forza accorciata, prudenza). Lampada e cintura.   La rosa. Nomi, versi, grembiule. YESOD Arcangelo: Gabriel – Tarocchi: Nove di Bastoni, Coppe, Spade e Denari. (Grande forza, felicità materiale, disperazione e crudeltà, guadagno materiale).  Profumi e Sandali. MALKUTH (Mem, Lamed, Kaph, Vau, Tau). Porta della Morte, Ombra della Morte, Lacrime, Giustizia, Preghiera, Giardino dell’Eden, Vergine. Arcangelo: Sandalphon – Tarocchi:   decine di bacchette, coppe, spade e denari   (oppressione, successo perfetto, rovina, ricchezza). Doppio Cubo, Croce Uguale, Cerchio Magico, Triangolo dell’Arte. Secondo Henrietta Bernstein , l’Albero della Vita può essere pensato come una filosofia dell’evoluzione, un’immagine della creazione.   Fuori dal vuoto, il cosmo si manifesta attraverso 32 percorsi di saggezza, 10 dei quali associati a dieci Sephirah e i restanti 22 con i vari percorsi che collegano ogni singolo Sephirah.   L’Albero è il simbolo del flusso della creazione dal divino al mondo inferiore e viceversa.   È tanto l’evoluzione graduale della Divinità dal paradiso negativo o l’esistenza celeste, quanto il passaggio all’esistenza positiva (cioè l’universo fisico).   Ogni Sephirah agisce come un contenitore o vaso attraverso il quale la Divinità viene emanata nell’uomo.  Luce e luminescenza – l’essenza della vita e dell’esistenza – permea ogni sfera come manifestazione di Dio.  L’Albero della Vita è considerato un soggetto esoterico (“per pochi”), associato al misticismo ebraico, cristiano e New Age.   È considerato da alcuni come una mappa stradale che riporta ai cieli da cui siamo venuti.   Per altri, un mezzo per progredire attraverso i 22 sentieri del Viaggio del Matto (gli Arcani Maggiori dei Tarocchi ), e incontrare così la realtà reale o virtuale di tutte le diverse forme di esperienza a disposizione della razza umana.   Per altri ancora, è rappresentativo di: 1) diversi stati di coscienza e 2) esperienze soggettive derivanti da condizioni interne che una psiche individuale può subire percorrendo i vari sentieri.  In tutti gli aspetti, l’Albero della Vita fornisce un punto focale di meditazione sulla conoscenza cosmica della vita.  A causa della sua natura esoterica , l’Albero della Vita non può essere racchiuso in poche pagine di un sito web.   È uno studio che dura tutta la vita, che è riluttante a rinunciare prontamente ai suoi segreti.   Questo è come dovrebbe essere, in quanto qualsiasi conoscenza “per pochi” è potente, ma non è necessariamente un buon perseguimento da parte di chi non lo sapesse.   Edouard Schure ha citato Henrietta Bernstein come dicendo: “Mosè ebbe il coraggio di stabilire il più alto principio di iniziazione come unico dogma di una religione nazionale, e la prudenza di rivelare le sue conseguenze solo a un piccolo numero di iniziati, mentre imponendolo alle masse attraverso la paura. ”   La “prudenza” di non fornire la conoscenza del potere a coloro che è improbabile che ne apprezzino il corretto utilizzo, è un principio fondamentale di tutte le informazioni veramente esoteriche .   Si potrebbe pensare che sia appropriato, ad esempio, fornire ad Adolph Hitler tale accesso?   (E fece davvero ogni sforzo per familiarizzare a fondo con una conoscenza così potente.)  L’idea di imporre le conseguenze di questa conoscenza “alle masse per paura” potrebbe sembrare tutt’altro che illuminata.   Tuttavia, una parte fondamentale di qualsiasi iniziazione esoterica degna di questo nome è il superamento della paura da parte dell’iniziato .   Alcuni dei rituali di iniziazione egiziani, ad esempio, prevedevano il nuoto con i coccodrilli!   Quindi la paura e il superarlo sono fondamentali per il processo di iniziazione, e quindi la paura ha il suo posto.  Un modo per mantenere segreta tale conoscenza è fornire versioni alternative e false.   Se vicini all’accuratezza, possono sembrare autentici ed essere prontamente accettati dai ricercatori che non usano abbastanza Discriminazione nella loro ricerca della verità.   In molti casi, tutto ciò che si deve fare è “modificare” le informazioni in modo tale da fuorviare gli incauti.   Ciò potrebbe includere l’aggiunta di alcune funzionalità che non hanno un valore reale, ma sono prodotte complete di una cronologia o di una logica, in modo tale da sembrare importanti (anche quando non lo sono).   Un’altra idea è quella di etichettare erroneamente alcune caratteristiche e aspettare che il vero iniziato le scopra.  Un possibile esempio – cioè questo può o non può essere una “falsa pista” – è il lampo, che collega il Sephiroth (plurale di Sephirah).   Un “lampo” suggerisce una forma di illuminazione istantanea per il cercatore, il che può essere improbabile.   “La Parola è in loro mentre si precipitano avanti e quando ritornano, parlano come dal turbine, e tornando cadono prostrati in adorazione davanti al Trono.”    Un’immagine del genere è certamente drammatica, e quindi può essere molto attraente, ma c’è il suggerimento molto forte che il dramma non sia l’essenza del raggiungimento dell’illuminazione.   Non è necessariamente un lavoro duro, ma è probabilmente un processo continuo, di ricerca interiore, non drammatico.  Le molte, molte variazioni nel presentare The Tree of Life sono un altro esempio calzante.   C’è una tendenza a quadrare le cose e creare “pilastri” lineari e dritti su cui si basa la struttura.   Questo potrebbe anche essere fuorviante, ed è quindi il motivo per cui la versione dell’Albero della Vita, come mostrato in questo esteso sito web, potrebbe essere la preferita, se non, di fatto, la versione precedente e più accurata.   La versione ciclica / Dea incorpora, ad esempio, “pilastri” curvi in ​​una versione geometrica di diverse Vesica Pisces ; quest’ultimo è l’intersezione di due cerchi sovrapposti – e la derivazione del cosiddetto “simbolismo del pesce di Gesù Cristo”.  Ciò diventa ancora più ovvio con l’incorporazione del “Fiore della vita”, come mostrato nelle Figure 3 e 4 delle Variazioni su un tema , e porta a ulteriori speculazioni sulla reale estensione dell’Albero della Vita in misteri ancora più profondi .  Nota che la vesica pisces è l’origine di energia, potere, luce e amore dall’intersezione delle due divinità di Dio e Dea (rappresentate dai cerchi stessi).   C’è anche l’aspetto simbolico della vesica pisces che rappresenta la vagina femminile, e quindi uno dei motivi per cui questo simbolo è così fortemente connesso alla Dea Madre.   Da un aspetto astronomico, c’è anche la cosiddetta “Nebulosa Clessidra”, che in realtà è costituita da due cerchi intrecciati di gas cosmico che irradia intensamente.   Al centro – all’interno della vesica pisces creata – c’è un’insolita anomalia che appare come una fonte di energia, o una regione dello spazio attribuita alla morte (e alla rinascita?) Di una nuova stella!  Un altro possibile indizio diversivo è nella connessione dell’Albero della Vita con l’ Astrologia e nell’assegnazione dei pianeti sbagliati a ciascuno dei Sephiroth.   La tabella seguente confronta la versione tradizionale (o exoterica) con quella che potrebbe essere descritta la versione esoterica.

Esoterico             Sephirah             Traduzione         Esoterico

Terra    Malkuth              Regno   Terra / Luna

Luna      Yesod   Fondazione        Mercurio

Mercurio             Hod       Gloria / Splendore          Marte

Venere                Netzach               Vittoria Venere

Sole       Tiphareth            bellezza               Sole

Marte   Geburah             Gravità Saturno

Giove    Chesed                Misericordia      Giove

(sconosciuto)    Daath    Gnosi / Conoscenza       Plutone

Saturno               Binah    Comprensione Urano

Urano   Chokmah            Saggezza             Nettuno

Nettuno              Kether  Corona N ?                                                      [Nello scenario del Fiore della Vita, c’è forse una divisione della Terra e della Luna (la versione esoterica), insieme a un pianeta ancora più estremo e distante – forse associato alla stella, Sirio!] Il vantaggio della versione “Esoterica” ​​(mostrata nella seconda versione dell’Albero della Vita sopra) è che astrologicamente i pianeti che si ritiene abbiano un’influenza inconscia (Urano, Nettuno, Plutone e qualunque cosa rappresenti Kether) sono di nuovo oltre il Velo che attraversa l’Albero appena sotto il livello di Daath.   Inoltre, Nettuno, tramite la sua connessione con Enki, il Dio della Saggezza sembra appropriato, così come Urano con Comprensione e Plutone con “Gnosi e Conoscenza” (Plutone, alias Ade, essendo “da dove vengono tutti i beni”).   Tutti i pianeti sotto il velo si rivelano quindi astrologicamente con azioni e influenze coscienti.  Allo stesso modo, Saturno è decisamente sulla Severità, mentre Mercurio come comunicatore (o in relazione all’Arcangelo Gabriele) è una migliore Fondazione su cui basare i risultati delle nostre comunicazioni.  Il simbolo di N ? per il pianeta più lontano e oltre l’ Abisso , si suggerisce di essere Nibiru, un pianeta descritto da Zecharia Sitchin come parte del nostro sistema solare, ma con un’orbita di 3600 anni.   Questo lo rende enormemente più lontano di Plutone o Nettuno, e veramente oltre l’ abisso dello spazio profondo (al di fuori dei confini del nostro sistema solare tradizionalmente inteso).   Nibiru è stato anche determinante, secondo il sumero Enuma Elish, nella creazione della Terra.   È anche la presunta dimora degli “dei” (gli Anunnaki , Enki ed Enlil ), ed è quindi accordato il più alto onore nell’Albero della Vita.  Per quanto riguarda la nozione potenzialmente politicamente scorretta di un pianeta sconosciuto scelto per rappresentare Kether (Corona), c’è qualche giustificazione aggiuntiva.   Nibiru, il pianeta degli Anunnaki, i Dei e le Dee della Family Tree sumera sembra essere la scelta migliore come candidato, se non altro perché la fonte del Ha Qabala e l’albero della conoscenza è senza dubbio Enki, Inanna, Ningishzidda , Thoth , Lilith e tutti gli altri – e la loro prima fedeltà sarebbe stata probabilmente a Nibiru, la loro “casa” planetaria.   L’Albero della Vita rappresenta così le antiche Tavole del Destino assegnate ai vari pianeti.  Ma potrebbe esserci anche di più oltre Nibiru, in quanto ci possono essere fino a quattro diversi “alberi”, cioè ” Atziluth (Il mondo delle emanazioni – Archetipi divini), Briah (Il mondo delle creazioni – Angeli di rango più alto), Yetzirah (Il mondo delle formazioni – Metatron e le dieci schiere angeliche) e Assiah (Il mondo delle sostanze – Qliphoth, esiliato al di sotto del Piano fisico).   I quattro mondi si basano sull’idea che le Sephiroth si manifestino in ciascuno di essi.   I mondi diventano più grossolani e più densi man mano che la Forza viaggia verso il basso. ”  Il “Pilastro della Severità” è anche estremamente ben rappresentato da Urano, Saturno e Marte – astrologicamente considerato il più severo dei pianeti.   Il “Pilastro della Misericordia” è ben rappresentato da Nettuno, Giove e Venere in entrambe le versioni, mentre il Sole e Mercurio si prestano al “Pilastro della Mitezza”.   Plutone potrebbe essere una sorpresa a questo proposito, ma finché non si resiste a Plutone, nuova conoscenza o gnosi (“conoscenza dei misteri spirituali”) può essere ottenuta facilmente e “moderatamente”.   Si dice infatti che dall’Ade (Plutone) vengano tutte le cose buone, la cornucopia di benedizioni.  Daath, come undicesimo e il più esoterico dei Sephiroth, è uno studio su se stesso. Laurence Gardner  ha detto: “Nel mondo antico, la conoscenza superiore era identificata come daath (da dove, la morte), e i termini ‘tomba’ e ‘utero’ erano considerati intercambiabili e si sostenevano reciprocamente come percorsi per la conoscenza superiore”. Il simbolismo fondamentale di Plutone (Ade) è la      morte e la rinascita . La dea, Kali, era venerata (e temuta) in India proprio come la dea della morte e della rinascita.   Ma tale paura era spesso basata sul dimenticare la seconda metà dell’equazione, cioè la “rinascita”!   Plutone è stato anche incluso nell’epopea sumera della creazione come il dio, GAGA, che è descritto in dettaglio nel Annali della Terra .   In poche parole, si può dire che GAGA abbia fatto il giro, comunicando fino in fondo!  GAGA, alias Plutone / Ade, può essere considerato come Hermes della mitologia greca .   Hermes era il collegamento di comunicazione tra gli Dei e le Dee e i mortali umani sulla Terra.   In quanto pianeta errante, con un’orbita molto eccentrica, Plutone potrebbe benissimo essere il collegamento tra una distanza molto lontana, oltre l’ Abisso , Nibiru.   La sua orbita attuale potrebbe essere più un residuo del suo possibile utilizzo su traiettorie molto più lunghe.   Plutone diventa quindi il ponte tra il mondo terrestre e quello celeste.   Allo stesso modo, il pianeta minore, Chirone , potrebbe essere il ponte tra i pianeti visti e l’invisibile (ad occhio nudo).   Nel frattempo, ciascuno dei “percorsi” che collegano le Sephiroth è associato a un membro degli Arcani Maggiori nei Tarocchi , e ciascuno ha una designazione secondo la numerologia .   I 32 percorsi sono anche collegati ai “gradi” della Massoneria , quest’ultima che è probabilmente un altro buon esempio di informazione incompleta – almeno per la stragrande maggioranza dei Massoni.   [In realtà, probabilmente esiste un 33 ° grado e forse più alto alla portata di chiunque sia veramente intenzionato a perseguire la questione.]  Naturalmente, l’inclusione di Daath e dei collegamenti ad esso potrebbero suggerire la necessità di altri quattro percorsi e un Sephiroth, estendendo così i “gradi” o “percorso” a 37.   Ma proprio come l’antico alfabeto ebraico conteneva 22 lettere – lo stesso dei 22 percorsi dell’Albero della Vita (e delle 22 carte degli Arcani Maggiori dei Tarocchi) – l’alfabeto ebraico è cresciuto nel corso degli anni, aggiungendo abbastanza lettere per rappresentare quattro (o anche più) percorsi.   È tutto molto complicato, o più precisamente, forse, più esoterico .   Ma è anche molto necessario continuare a studiare, considerare, imparare e quindi acquisire saggezza.   Quindi là! SEPHIRA              DAATH – DIO FORZA     ARAGOTH (LE GRANDI E POTENTI VOLTE) ORDINE ANGELICO         (vari) – ARCANGELO       EKENOR (POTERE DI DIO)       ANIMA      N / A

Questa Sephira è la Sephira segreta. Si trova all’incrocio tra Binah e Chokmah. Si trova sotto l’Abisso ed è inspiegabilmente collegato a Binah e Chokmah. Si collega anche direttamente a Kether, attraverso l’Abisso, tuttavia questo condotto è solo per il puro trasferimento di energia e non per i viaggiatori. In molti testi Daath non è nemmeno menzionato. In altri testi, dicono semplicemente che non è un luogo reale, ma che è solo il risultato delle forze di marea tra il Sephirah Binah e Chokmah. Tuttavia, il Sephira Daath è un vero Sephira. È nascosto e l’accesso a questa Sephira è limitato solo agli studenti più esperti. Daath è la Sephira della creazione. È qui che le forze di marea del positivo e del negativo si uniscono per essere utilizzate a beneficio del sistema di sviluppo fisico. È qui che l’energia polarizzata si riversa dall’Abisso e si manifesta in forme, come il vostro universo fisico. In quanto tale, è un luogo molto potente e minaccioso. Le forze positive e negative sono tenute in stretta sospensione qui, e questa tensione può essere avvertita in ogni momento, durante la visita. Ora, nei tuoi primi incontri a Daath, sembrerai solo. Gli abitanti qui non amano gli estranei e non si mostreranno a te finché tu e loro non starete bene. Quindi, all’inizio, questa Sephira può sembrare solitaria e inospitale. Inoltre, è un luogo buio, con verdi e gialli scuri, blu e grigi. In effetti, sarà difficile distinguere i colori mentre sei qui. Daath possiede anche una sorta di elettricità nella sua atmosfera. Questa elettricità è dovuta all’enorme potenza che scorre attraverso questa Sephira. Potresti sentire un ronzio nella tua testa (centro della fronte) mentre sei qui. Questo ronzio è l’energia mentre si muove anche lui e indietro. Quando gli abitanti si mostrano, non aspettarti feste, divertimento e giochi. Gli angeli qui sono dedicati al loro lavoro e lo prendono molto sul serio. Sono assoluti nella loro capacità di controllare i loro pensieri e dirigere l’energia proprio quando e dove deve andare. Questi angeli sono maestri creatori della realtà e il loro intelletto non può essere paragonato a nessun altro. Anche i guaritori di nono livello provengono da questa Sephira e, se hai mai avuto l’opportunità di incontrare questi angeli, in meditazione, in sogno o durante una guarigione, saprai cosa intendiamo per loro serietà. La loro attenzione totale è concentrata sul compito in corso e nient’altro conta fino a quando non viene completato. Per un mago di alto livello (come un mago), c’è molto da imparare dagli esseri qui. Per prima cosa, la loro dedizione al dovere e al modo in cui ottengono risultati rapidi, essendo in grado di focalizzare finemente pensieri ed energia, non ha eguali. Vedere l’espressione sui volti di un solo angelo qui ti dirà molto. In molti modi, Daath è un luogo mentale, nato dalla disciplina, dalla concentrazione e dall’intento. È anche un luogo in cui imparare il valore di essere sempre caricati, perché l’energia qui è sempre alta e sempre pronta per essere applicata e utilizzata. Non è neanche un posto stagnante. Perché l’energia qui deve essere diretta ed emessa, altrimenti le forze di marea costruiscono e squarciano la Sephira. L’Arcangelo qui si chiama EKENOR. Verrà da te in tempo, ma non prima che tu abbia avuto la possibilità di guardarti intorno e incontrare alcuni degli altri angeli. Può aiutarti a dirigere e concentrare la tua energia, ma lo farà impostando delle attività da completare. Questi compiti porteranno a termine questo apprendimento e nel processo cementeranno le informazioni. Alcuni altri Arcangeli, nell’altra Sephirah, ti daranno solo le informazioni che cerchi. Non così con EKENOR. Si aspetta che se vuoi sapere la risposta a qualcosa di quello che vuoi usarla. Quindi, non sorprenderti se sei messo al lavoro, poco dopo aver incontrato questa entità. Ora puoi andare da questa Sephira quando hai bisogno di potere assoluto su qualcosa. Tuttavia, tieni presente che il karma opera in modo molto intenso con questa energia e, se qualunque cosa tu stia usando questa energia non è per il meglio, raccoglierai i risultati karmici. Come puoi vedere, ci sono diversi motivi per cui questa Sephira è stata tenuta segreta nel corso degli anni. Tuttavia, per lo studente attento che ha raggiunto un livello sufficiente di competenza spirituale, può essere uno strumento di apprendimento inestimabile e una grande fonte di energia con cui creare il tuo mondo. Fai attenzione e attenzione qui e andrai bene. (da: Hermes Reality Creator Series Books)